Ambiti territoriali di caccia e garanzia di tutela dell’ambiente e dell’ecosistema

Nella sentenza in esame il Consiglio di Stato si sofferma sulla natura giuridica dei cd. Ambiti Territoriali di Caccia. Secondo l’insegnamento facente capo alle Sezioni unite della Corte di Cassazione 28 dicembre 2017, n. 31114 la costituzione degli Ambiti Territoriali di Caccia, prevista dall’art. 14 L. n. 157 del 1992, manifesta uno standard inderogabile di Leggi tutto …

Share

Parchi eolici e giudizio di compatibilità ambientale

Osserva in sentenza il Consiglio di Stato come il giudizio di compatibilità ambientale sia reso sulla base di oggettivi criteri di misurazione e risulti attraversato da profili particolarmente intensi di discrezionalità amministrativa sul piano dell’apprezzamento degli interessi pubblici in rilievo e della loro ponderazione rispetto all’interesse dell’esecuzione dell’opera; apprezzamento che è sindacabile dal G.A. soltanto Leggi tutto …

Share

Accumulo incontrollato di rifiuti, i poteri di intervento del Sindaco

 Il Consiglio di Stato, in sentenza, si sofferma sulla corretta esegesi dell’art. 192 D.Lgs. n. 152/2006 – che riprende la disposizione già recata dall’art. 14 D.Lgs. n. 22/1997 (c.d. decreto Ronchi) – norma secondo cui: – L’abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati (comma primo); – È altresì vietata Leggi tutto …

Share

Sindacato del G.A. sulla valutazione di impatto ambientale

Osserva in sentenza il Consiglio di Stato come la valutazione di impatto ambientale (VIA) non concerna una mera e generica verifica di natura tecnica circa l’astratta compatibilità ambientale dell’opera che si intende realizzare, ma implichi la complessiva e approfondita analisi comparativa di tutti gli elementi incidenti sull’ambiente del progetto unitariamente considerato, al fine di valutare Leggi tutto …

Share

Realizzazione di un parco eolico ed impugnazione della pronuncia di compatibilità ambientale

Innanzi all’adito Tar Potenza  una società insorge avverso gli atti concernenti il rilascio del giudizio negativo di compatibilità ambientale e il diniego dell’autorizzazione paesaggistica relativamente al progetto per la costruzione e l’esercizio di un impianto eolico. Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega Accedi. Non sei un membro? Registrati

Share

Quando la bonifica di un sito inquinato compete al curatore fallimentare?

Sono curatore fallimentare di una società, e in tale mia qualità, mi sono visto notificare una  ordinanza di rimozione dei rifiuti presso l’immobile in cui operava la predetta-fallita società. Sono tenuto a provvedere alla bonifica dei luoghi? Soluzione Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del contenuto.Si prega Accedi. Non sei un membro? Registrati

Share

Legittimo il giudizio positivo di compatibilità ambientale subordinato all’ottemperanza di prescrizioni o condizioni

Nella sentenza in esame il Consiglio di Stato afferma che il giudizio di compatibilità ambientale, pur reso sulla base di oggettivi criteri di misurazione pienamente esposti al sindacato del Giudice, è attraversato da profili particolarmente intensi di discrezionalità amministrativa sul piano dell’apprezzamento degli interessi pubblici in rilievo e della loro ponderazione rispetto all’interesse dell’esecuzione dell’opera. Leggi tutto …

Share

Ipotesi di responsabilità in capo al proprietario dell’area inquinata da bonificare

Si afferma in sentenza, da parte del Consiglio di Stato, l’insussistenza di ogni responsabilità, in capo al proprietario dell’area inquinata e da bonificare, per il solo fatto di tal sua qualità, ove non si dimostri che questi non abbia provocato o contribuito a provocare il danno ambientale. Devi eseguire l'accesso per visualizzare il resto del Leggi tutto …

Share

Inquinamento e operatività del principio “chi inquina paga”

Secondo il Consiglio di Stato, ai sensi degli artt. 242, comma 1, e 244, comma 2, D.Lgs. n. 152 del 2006, una volta riscontrato un fenomeno di potenziale contaminazione di un sito, gli interventi di caratterizzazione, messa in sicurezza d’emergenza o definitiva, di bonifica e di ripristino ambientale possono essere imposti dalla Pubblica Amministrazione solamente Leggi tutto …

Share