Responsabilità civile della P.A. e risarcimento del danno da ritardo

La sussistenza del danno da ritardo – osserva nella sentenza in esame il Consiglio di Stato – non può presumersi iuris tantum, in relazione al mero superamento del termine fissato per l’adozione del provvedimento amministrativo favorevole, ma il danneggiato deve, ex art. 2697 c.c., provarne i presupposti sia di carattere oggettivo (sussistenza del danno e Leggi tutto …

Share

La pretesa al risarcimento del danno ingiusto derivante dalla lesione dell’interesse legittimo

Con la sentenza in esame il Consiglio di Stato si sofferma sul tema della responsabilità civile della P.A. osservando come, secondo un consolidato indirizzo giurisprudenziale, l’accoglimento di una domanda di risarcimento del danno nei confronti della pubblica amministrazione non consegua automaticamente all’annullamento giurisdizionale di un suo provvedimento, essendo altresì necessaria la positiva verifica, oltre che Leggi tutto …

Share

Revisione delle piante organiche delle farmacie, la competenza al Comune

Osserva in sentenza il Consiglio di Stato come la competenza alla revisione delle piante organiche delle farmacie spetti al Comune, ed in particolare alla Giunta Comunale. In particolare, le disposizioni legislative vigenti prima dell’entrata in vigore D.L. n. 1/2012 assegnavano alle Regioni la competenza alla formazione e alla revisione della pianta organica delle farmacie, ai Leggi tutto …

Share

Opere edilizie conformi ad un titolo abilitativo successivamente rimosso, quali le conseguenze?

Nella sentenza in esame il Collegio di Palazzo Spada si sofferma sulla corretta interpretazione dell’art. 38 D.P.R. n. 380 del 2001, norma che si ispira ad un principio di tutela degli interessi del privato mirando ad introdurre un regime sanzionatorio più mite per le opere edilizie conformi ad un titolo abilitativo successivamente rimosso, rispetto ad Leggi tutto …

Share

Sulla corretta operatività delle disposizioni di cui all’art. 32 Legge n. 47 del 1985

Il Consiglio di Stato, in sentenza, si sofferma sulla corretta interpretazione ed operatività dell’art. 32 L. n. 47/1985, ritenendo come il Legislatore abbia individuato, al primo comma, una disciplina generale relativa all’espressione del parere per le aree sottoposte a vincolo, prevedendo all’uopo l’operatività del meccanismo del silenzio assenso, nel caso di mancata espressione dello stesso Leggi tutto …

Share

Regione Puglia, nessuna attività edilizia negli alvei torrentizi scavati nel corso dei secoli

Intervenuto nel contesto di una vicenda in cui una determinazione dirigenziale aveva annullamento in autotutela tre autorizzazioni edilizie -nel loro complesso funzionali alla realizzazione di un autoparco a cielo aperto per il rimessaggio di autoveicoli- per la sussistenza in zona, ricadente nell’alveo (o lama) di un torrente, di un vincolo assoluto d’inedificabilità precisa in sentenza Leggi tutto …

Share

Giudizio di ottemperanza tra nomina del commissario ad acta e penalità di mora

Si osserva in sentenza come l’art. 114, comma 4, D.Lgs. n. 104/2010 indichi i provvedimenti che il Giudice Amministrativo può adottare ove ritenga fondato il ricorso per l’ottemperanza di sentenza passata in giudicato, ovvero qualora accerti l’inadempimento agli obblighi del giudicato, e, precisamente: – l’ordine di ottemperanza con la prescrizione delle relative modalità ivi comprese Leggi tutto …

Share

Prezzo dei medicinali generici e garanzie di risparmio per il S.S.N.

Intervenuto in tema di “farmaci” il Consiglio di Stato nella sentenza in esame osserva come l’art. 3, comma 130, L. n. 549 del 1995 abbia previsto che un farmaco generico possa ottenere la medesima classificazione dell’originator purché sia offerto un prezzo almeno del 20% inferiore a quello del farmaco originatore. Nel ripercorrere il quadro normativo Leggi tutto …

Share

Concessione della cittadinanza italiana e riservatezza sugli atti istruttori

Osserva in sentenza il Consiglio di Stato come, in presenza della classifica di riservatezza sugli atti istruttori preordinati all’adozione del decreto recante il diniego di concessione della cittadinanza, correttamente l’Amministrazione omette di indicarne il contenuto, al fine di non estendere la loro conoscenza a soggetti privi della prescritta abilitazione rilasciata dall’Autorità preposta alla tutela del Leggi tutto …

Share

Pianificazione del territorio ed aspettative dei privati

Osserva in sentenza il Consiglio di Stato come il privato sia titolare di un’aspettativa di mero fatto, non giuridicamente tutelabile né azionabile in sede giurisdizionale, nei confronti dell’aspirazione al riconoscimento di una potenzialità edificatoria (o di una diversa potenzialità edificatoria) dei propri fondi, salvo che sussista una delle seguenti ipotesi: a) l’avvenuta stipulazione, tra le Leggi tutto …

Share