Separazione personale consensuale

I – Si acquisiscono i documenti già indicati nel n. 1 della precedente lezione (separazione giudiziale).

II – Si redige il ricorso seguendo la formula A che segue. In più si adempiono gli altri incombenti di cui sub 2 della precedente lezione.

III – Idem come nei numeri 4 e 5 della precedente lezione. Ma se, com’è norma, il ricorso è presentato congiuntamente dai due coniugi (cioè, è sottoscritto da entrambi i coniugi oppure è sottoscritto dai due difensori di entrambi i coniugi oppure è sottoscritto da un unico difensore, che ha ricevuto la procura da entrambi i coniugi) non occorre naturalmente la notifica del ricorso e del pedissequo decreto e, quindi, non occorre procurarsi le relative copie autentiche

IV- Si compare all’udienza presidenziale. Una volta che questa è finita nulla occorre che l’avvocato faccia per ottenere l’omologa del Collegio: tutto avviene su impulso d’ufficio.

 V – Sarà invece opportuno che, lasciato passare congruo intervallo, l’avvocato chieda alla cancelleria copia autentica dell’omologa: servirà al momento in cui si instaurerà la causa di divorzio.

Elementi per l’inserimento dei contenuti

Sanguineti, Pratica civile ragionata
Key Editore


per visualizzare il resto del contenuto. Se non sei un membro Registrati GRATIS.
Share